Villa Papiano e Ca’ di Sopra a trovare il sangiovese di Romagna che mi è sempre piaciuto. Loro sono bravi assai

0

Villa Papiano
Via Monte Forcella, 24
Modigliana (Fc)
www.villapapiano.it

Premessa.
Descrivere luoghi e sensazioni vestendo i panni di un’altra persona non è semplice, soprattutto se la persona in questione è un buon intenditore di vini e cibo. Una persona che con la sua voglia di scoprire, la curiosità e soprattutto l’amore per i nostri territori, è riuscito a creare un suo blog in cui mette in evidenza, oltre alla bellezza e cultura dei luoghi che visita, il lavoro di artigiani e produttori di tutta Italia.
Questa è una mia riflessione personale,se dovessi descrivere quel poco che conosco di lui.
Mi hai chiesto di scrivere, attraverso le tue foto, le mie sensazioni,le mie emozioni come se fossi stata in quei luoghi con te, sai che non è cosa facile però ci ho provato.

Andiamo! Modigliana.

Questa è Modigliana vista dall’alto, siamo in compagnia di Francesco Bordini uno dei proprietari di “Villa Papiano”, di lui e della sua azienda  parleremo tra poco.
Le foto dicono poco rispetto a ciò che si sente e vede di questa cittadina circondata dalle colline dell’Appennino Tosco Romagnolo. Una cittadina ricca di storia, cultura e tradizioni enogastronomiche.
Aspettiamo due miei amici, al loro arrivo Francesco ci accompagna per il pranzo da”Antichi Sapori”,un ristorante dove la pasta è fatta seguendo l’antica tradizione,con i prodotti locali. Il pranzo è accompagnato doverosamente dai vini di Villa Papiano, in particolare il trebbiano Strada Corniolo Forlì IGT 2018, era molto caldo, ci siamo seduti sotto un ombrellone e abbiamo iniziato a bere questo vino, era fresco, era buono, si è fatto apprezzare, si è fatto finire!

 Eccoci arrivati finalmente a Villa Papiano,lo spettacolo creato dagli artigiani del vino di questa tenuta, ti lascia senza fiato. Distese di vigne incastonate a ridosso del Parco Nazionale delle foreste casentinesi. Un’armonia di colori e profumi che libera la mente, per farsi trasportare alla scoperta di questa tenuta.
La descrizione, le sensazioni e le emozioni spettano di diritto all’esperto che ci ha condotto qui. Pasquale Pace, il gourmet errante.

Prima di tutto, Francesco Bordini,una persona sopra le righe,sopra l’amicizia, sopra la gioia di essere venuto nella tua azienda,nella vostra azienda.
Vigne stupende, alcuni scorci restano nella mente, nelle emozioni di aver camminato errante in mezzo a vigneti bellissimi. I vini mi piacciono da sempre, il tuo ricercare, il meglio che dai in ogni cosa che fai, lo dimostri prima di tutto con il tuo sorriso, pieno di orgoglio e consapevole di ciò che riesci ad esprimere con le bottiglie che produci. Oggi su tutti le due annate dei Probi,la 2016, un vino che mi è piaciuto assai! Ogni volta che verrò da te, lo chiederò sempre e sai che ricordo le cose. Il secondo, una fantastica riserva i Probi di Paiano 2010, vino dalla beva lunga, complessa, ti riempie la bocca, il palato, la gola. Di grandissimo piacere.
Grazie ancora per le ore passate insieme… Con tanta voglia di tornare, magari con Leonardo Bussoletti  per fare un’accoppiata di quelle che riempiono prima di tutto l’amicizia.  

 

Azienda Vinicola Ca’ di Sopra 
Via Feligara, 15
Marzeno (Ra)
www.cadisopra.com

Marzeno.
Marzeno è la più piccola sottozona del Romagna Sangiovese. Qui si trova l’azienda agricola “Ca’di Sopra” proprietà dei fratelli Giacomo e Camillo Montanari.

I fratelli Montanari li conosco da diverso tempo. Finalmente eccomi a trovarli, forse era il momento giusto. Hanno costruito una bella cantina, essenziale, hanno costruito una bellissima struttura, oltre la cantina c’è il punto vendita e uno stupendo salone per le degustazioni. Bellissimi i vetri a vista,lasciano vedere alcune loro vigne e i piazzali sottostanti.
La cosa più importante, però, sono sempre i loro vini. Un livello qualitativo sempre piacevole,con punte ottime.
Abbiamo degustato: Uait 2019 da Pinot Bianco 100%; una buonissima Albana di Romagna Sandrona 2019; Crepe Romagna DOC Sangiovese Superiore 2019, mi piace da sempre questo vino, bevibilità e piacevolezza accompagnano una beva che mi fa dire – vino “BONO” quando finisce -; Crepe 2010; Marzeno Romagna DOC 2018, questa annata vi darà molte soddisfazioni; Marzeno Romagna DOC Riserva Podere Ca’ del Rosso 2017, vino da risentire prima possibile; Ronco di Paci 2015 da uve Merlot, poche volte si degustano Merlot così equilibrati tra legno e gusto. Un’azienda sempre alla ricerca della qualità in maniera meno invasiva possibile di chimica. Insomma una visita che mi è piaciuta assai.

Queste due aziende si sono meritate il mio adesivo di aziende consigliate da Il Gourmet Errante. 

Pasquale Pace
Share.

Leave A Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi