Terzo e ultimo giorno al Merano WineFestival

0

10 Novembre  2014

Merano WineFestival

Ultimo giorno

#mwf2014

Il terzo e ultimo giorno del Merano WineFestival, è il giorno riservato alle annate storiche e alle New Entries: per le annate storiche l’elenco è numeroso con nomi altisonanti dell’enologia italiana, per le New Entries consulto l’elenco del magnifico libro che mi hanno dato il primo giorno e capisco, anche da un invito arrivatomi via sms che c’è Vasco Sassetti da Montalcino (Si) e una cantina sarda che ho visitato un po’ di tempo fa e di cui sono rimasto affascinato dal personaggio. Quindi, questa giornata promette bene……… Il primo pensiero è tornare alla Cantina Su’entu di proprietà di Salvatore Pilloni: postazione n. 13, ma lui non c’è; dietro il banco c’è una ragazza che penso sia la figlia e alla quale domando se Salvatore è suo padre……… Con molta grazia e gentilezza, lei annuisce, il padre è in giro! Il tempo di chiamarlo e in due minuti è davanti a me per un abbraccio forte e pieno di grande stima e affetto reciproco. Ci raccontiamo un po’ dei giorni trascorsi insieme e di come procedono i lavori della bellissima cantina che sta per essere terminata. Ci salutiamo con delle promesse per il prossimo Volcanic Wines.

Mi aspettano le annate storiche……………..  intuisco subito che quest’anno gli orari di apertura delle bottiglie verranno rispettati. Ciò mi permette di andare a degustare altri vini e salutare altre persone, Icardi, Maculan, Antonelli………….poi l’Umbria e qui noto sette bottiglie di vecchie annate di Lungarotti, tra queste sette, quattro annate di Vigna Monticchio, un vino che non ti tradisce mai. Nel frattempo arriva anche Marco Carpineti della mia regione che si difende  in mezzo a questi nomi altisonanti. Annate vecchie, dove siete? Quando si fa sul serio molte sono quella da ricordare:

  • Montevertine – Riserva 1996,
  • Fontodi – Chianti Classico Riserva 199…,
  • Lisini – Ugolaia 2000,
  • Poliziano – Asinone 2000,
  • Sella & Mosca – Marchese di Villamarina 1997,
  • Masciarelli – Villa Gemma 2004,
  • Il Marroneto – Brunello di Montalcino 2001,
  • Le Macchiole – Paleo 2000,
  • Fattoria di Petrolo – Torrione 2000,
  • Conterno Fantino – Barolo Vigna del Gris 2004,
  • Gianfranco Fino – Es 2006,
  • Lis Neris – Gris 2003,

Mi rendo conto il tempo corre e alle 14 devo andare, ma c’è ancora tempo per Punset e per un rosso molto buono, Tenuta di Trinoro il Magniacosta 2012 da Cabernet Franc, un ottimo Cabernet Franc (92 il mio punteggio!). L’incontro suggestivo con una stupenda e brava enologa e il gran finale con l’ormai tradizionale foto sul palco degli estremi nel fondo del salone Kursaal. Gli ultimi saluti e via con il pensiero all’anno prossimo, camera prenotata di nuovo, la pioggerellina che ci ha accompagnato quest’anno, il rumore del Passirio, le foglie gialle e rosse che volano e la malinconia che già sta in me per una manifestazione che ho sempre di più nella pelle. Grazie Merano, grazie WineFestival per altri quattro giorni da ricordare. Come sempre, del resto.

Pasquale Pace

Il Gourmet Errante, è ciò che faccio da sempre per passione. Ho avuto l'opportunità di degustare tanti vini e prodotti e di passare bellissimi momenti di confronto, discussione e allegria con produttori e artigiani di tutta Italia. Ho vissuto l’evoluzione di molte aziende e nel corso degli anni la curiosità, la ricerca e le scoperte mi hanno portato a disegnare una mappa di emozioni, fatta di persone e storie, che ho sempre cercato di comunicare e promuovere.
Pasquale Pace
Share.

Leave A Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi