Travolto dal Volcanic lago di Bolsena.

0

Travolti da un insolito vino

nel vulcanico Lago di Bolsena

23 Luglio 2015

www.carlozucchetti.it

Fin dalla prima volta che Carlo Zucchetti pubblicizzò l’evento con una locandina, in me è nata la volontà di partecipare alla gita, denominata “Travolti da un insolito vino nel vulcanico lago di Bolsena”. Ogni estate, quando usciva il calendario delle date, mi dicevo un giovedì vado. Poi però non accadeva mai. Quest’anno finalmente è successo e forse doveva accadere proprio il giorno della presentazione della prima guida sui vini della Tuscia a cura del blogger con il cappello Carlo Zucchetti. In una Bolsena calda ma pronta a buttar pioggia, si arriva al barcone che ci porterà all’Isola Bizantina, una delle due isole, entrambi private, del lago di Bolsena. Il proprietario della barca ci dice: se ci sbrighiamo a partire il temporale non ci raggiunge perché arriverà a metà lago, l’isola è oltre la metà. Ci siamo tutti, si parte. Mi accorgo che ci sono tanti produttori vinicoli della Tuscia e li conosco quasi tutti,  ci sarà da divertirsi. Tra chiacchiere e foto si raggiunge il punto dove avverrà il tutto. Ci si ferma e la voglia di tuffarsi viene tolta in un attimo, l’acqua è troppo invitante, quindi non esito un attimo a tuffarmi. Dietro di me la metà delle persone si ritrova in acqua per una bella nuotata a raggiungere l’isola. L’acqua è perfetta e il bagno è davvero rigenerante. Il tempo corre e si risale sù per la premiazione della guida. Tra premi e applausi un bellissimo tramonto ci accompagna. Si susseguono i premiati chiamati da Alessandra Di Tommaso e Carlo Zucchetti. Sono tutte aziende, note e un po’ meno note, della nostra regione, della Tuscia. Ecco l’elenco dei premiati:

 I tre Est! Est!! Est!!!

Montefiascone Poggio del Cardinale ‘14 Antica Cantina Leonardi

Grechetto di Civitella d’Agliano Latour ‘11 Sergio Mottura

Grechetto di Civitella d’Agliano Poggio della Costa ‘14 Sergio Mottura

Grechetto I.G.T. Lazio bianco Poggio Triale ‘13 Tenuta la Pazzaglia

Manti I.G.T. Lazio bianco (Chardonnay) ‘13 Tenuta Ronci di Nepi

Pinot Grigio I.G.T. Lazio bianco Satres ‘14 Le Lase

Procanico I.G.T. Lazio bianco ‘14 Trappolini

I rossi:

Roscetto I.G.T. Lazio bianco Colle de’ Poggeri ‘14 Cantina Stefanoni

Atlante I.G.T. Lazio rosso (Cabernet Franc) ‘12 Paolo e Noemia D’Amico

Confie I.G.T. Lazio rosso (Violone) ‘10 Doganieri Miyazaki

Habemus I.G.T. Lazio rosso (Carignan, Grenache, Shiraz) ‘12 Sangiovenale

Montiano I.G.T. Lazio rosso (Merlot) ‘12 Falesco

Paterno I.G.T. Lazio rosso (Sangiovese) ‘12 Trappolini

Pietra Dura I.G.T. Lazio rosso (Shiraz, Violone) ‘11 Bottaccio

Rosso Arcaico V.d.T. (Aleatico, Greghetto) ‘14 Occhipinti

Soremidio I.G.T. Lazio rosso(Montepulciano) ‘11 Tenuta Sant’ Isidoro

Seduzione:

Aleatico I.G.T. Lazio passito ‘09 La Carcaia

Aleatico I.G.T. Lazio passito Zero8 ‘12 Marini Georgea

Le cantine con il cappello:

Antonella Pacchiarotti

Falesco

Le Coste

Menicocci

Occhipinti

Podere Orto

San Giovenale

Sergio Mottura

Trappolini

Trebotti.

Tra un tuffo, una nuotata e le premiazioni, si sono degustati anche due vini, si è mangiato qualcosa e chiacchierato tanto, fino al ritorno a terra, sempre accompagnati da uno splendido tramonto. A terra ci si è trasferiti al Ristorante Il Gabbiano a Bolsena dove si sono degustati tutti , o quasi, i vini premiati. Da mangiare, gli ormai mitici salumi di Marco Ceccobelli e suo fratello dell’Agriturismo Il Casaletto, quindi pasta e i tre buonissimi prodotti della Tuscia, lenticchie, ceci e fagioli. Si era in tanti, ma lo spazio sufficiente per tutti ha reso la serata davvero interessante. Carlo Zucchetti e la sua squadra non sbagliano mai.

 

Pasquale Pace

Il Gourmet Errante, è ciò che faccio da sempre per passione. Ho avuto l'opportunità di degustare tanti vini e prodotti e di passare bellissimi momenti di confronto, discussione e allegria con produttori e artigiani di tutta Italia. Ho vissuto l’evoluzione di molte aziende e nel corso degli anni la curiosità, la ricerca e le scoperte mi hanno portato a disegnare una mappa di emozioni, fatta di persone e storie, che ho sempre cercato di comunicare e promuovere.
Pasquale Pace
Share.

Leave A Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi