Slow Wine 2021: I TOP WINES del Trentino e dell’Alto Adige, con un mio piccolo commento vino per vino e un consiglio

0

Slow Wine Guida 2021 Trentino e Alto Adige
Slow Food Editore
www.slowfood.it/slowine/
 www.ilgourmeterrante.it
www.codivin.com
www.cantinaconforme.it
www.vinointorno.it

Quest’anno purtroppo non c’è stata la degustazione di Montecatini Terme, mi è mancata tantissimo. Ogni anno è una delle giornate più belle da vivere.

Prima di iniziare a commentare vino per vino i vostri premiati voglio dirvi una cosa.
Quest’anno le chiocciole non ci sono state e mi dispiace. Ma purtroppo è successo quello che è successo, vi dico bravi che siete riusciti lo stesso a fare la guida.
Ma l’anno prossimo fatelo, quello che vi sto dicendo.
Siete l’unica guida che si potrebbe permettere di aggiungere evidenziandole le rese per ettaro per ogni vino. Ve lo ripeto fatelo, almeno per le aziende che conquisteranno la chiocciola. E’ un passo che si deve fare per dare ancor più merito a chi lavora bene. Dopo di questo inizierò con mettere le riconoscenze che avete dato regione per regione con un mio piccolo commento vino per vino se lo conosco.

Come anticipato nel post di venerdì scorso (leggilo per intero cliccando qui) in Slow Wine 2021 ci sono dei cambiamenti sostanziali nella scheda di descrizione dei vini e nei criteri di selezione delle migliori etichette da segnalare al pubblico.

Per ogni regione italiana abbiamo redatto una lista di quelli che abbiamo denominato TOP WINES, ovvero il meglio della produzione, assaggiata durante le nostre degustazioni, espressa da quei territori.

All’interno della lista TOP WINES troverete anche l’indicazione dei VINI SLOW – ovvero quelli che, oltre ad avere una qualità organolettica eccellente, riescono a condensare nel bicchiere caratteri legati a territorio, storia e ambiente – e dei VINI QUOTIDIANI, ovvero quelle etichette che si possono acquistare in enoteca ad un prezzo massimo di 12 euro, nonché altri vini di altissima qualità che non rientrano in queste due ultime categorie ma che ci sembrava opportuno segnalare.

Abbiamo abolito, infine, la definizione di GRANDE VINO che, come recitavano le guide passate, era attribuita a quelle “bottiglie eccellenti sotto il profilo organolettico”.

Tutti gli appassionati di vino, intenditori e slowiners hanno la possibilità di acquistare una “mistery box” con all’interno 6 bottiglie delle cantine premiate da Slow Wine 2021 + una copia della nostra guida.

Per saperne di più e approfittare di questa occasione clicca qui.

Qui di seguito la lista (in ordine alfabetico) dei 22 TOP WINES del Trentino e dei 33 TOP WINES del’Alto Adige!

 

 

Enantio Piede Franco 2017, Lorenzo Bongiovanni    VINO SLOW (un ottimo vino, intrigante di più)
Esegesi 2016, Eugenio Rosi    VINO SLOW (ha sempre un suo perché, complimenti a voi)
Groppello di Revò 2018, El Zeremia    VINO QUOTIDIANO (non lo conosco)
Müller Thurgau Palai 2019, Pojer & Sandri    VINO SLOW (Un Muller vero. Loro sono bravi assai)
Nosiola 2019, Maso Grener    VINO SLOW (una nosiola interessante)
Nosiola 2018, Vignaiolo Fanti    VINO SLOW (il re della nosiola)
Nosiola 2018, Salvetta    VINO SLOW (non lo conosco)
Planus 2018, Dorigati (qui tutto è buono. Da Dorigati non si sbaglia nulla)
Ritratto Rosso 2015, La Vis (interessante sempre)
Teroldego Granato 2017, Foradori    VINO SLOW (Da bere, bere e bere ancora)
Teroldego Rotaliano 2017, Andrea Martinelli (il Teroldego si fa strada)
Teroldego Rotaliano 2018, Endrizzi    VINO QUOTIDIANO (i teroldego boys si fanno sempre più valere)
Teroldego Rotaliano 2018, Dorigati    VINO QUOTIDIANO (i teroldego boys si fanno sempre più valere)
Teroldego Rotaliano Clesurae 2016, Cantina Rotaliana (non lo conosco)
Trentino Manzoni Bianco Da Fora 2018, Cantina Toblino (una cantina cooperativa che si da da fare)
Trentino Müller Thurgau Laetitia 2019, Cantina Romanese    VINO QUOTIDIANO (non lo conosco)
Trentino Müller Thurgau San Lorenz 2019, Bellaveder    VINO QUOTIDIANO (ma è Muller?)
Trentino Schiava 2019, Cembra – Cantina di Montagna    VINO QUOTIDIANO (si fa bere)
Trentino Vino Santo 2006, Pisoni    VINO SLOW (uno dei grandi per il Vino Santo)
Trento Dosaggio Zero Ris. 2014, Letrari (qui gli spumanti sono di qualità alta)
Trento Extra Brut Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2009, Ferrari (portatemi gli champagne seri che ho voglia di sfidarli)
Trento Pas Dosé Giulio Larcher 2015, Tenuta Maso Corno (una delle cantine sorprese del Fivi)

 

 

A.A. Chardonnay Donà D’Or 2013, Hartmann Donà    VINO SLOW (un ottimo vino, degno dellenologo che sei)
A.A. Lago di Caldaro Cl. Sup. Quintessenz 2019, Cantina Caldaro (la linea Quintessenz della Cantina di Caldaro ha sempre un perché)
A.A. Lago di Caldaro Scelto Cl. Sup. Bischofsleiten 2019, Castel Sallegg – Conte Kuenburg    VINO QUOTIDIANO (non lo conosco)
A.A. Lagrein Kretzer 2019, Cantina Convento Muri-Gries    VINO QUOTIDIANO (di loro preferisco altro)
A.A. Pinot Bianco Flora Ris. 2018, Cantina Girlan (mi piace)
A.A. Pinot Bianco Plötzner 2019, Cantina San Paolo    VINO QUOTIDIANO (non lo conosco) 
A.A. Pinot Nero Linticlarus Ris. 2017, Tiefenbrunner – Castel Turmhof  (non lo conosco) 
A.A. Pinot Nero Pigeno 2017, Stroblhof (da un paio di anni mi riconsco in ciò che mi piaceva tanto)
A.A. Pinot Nero Schweizer 2016, Franz Haas (piace a tutti… o quasi)
A.A. Santa Maddalena Cl. 2019, Untermoserhof – Georg Ramoser (non lo conosco) 
A.A. Santa Maddalena Cl. Isarcus 2018, Griesbauerhof – Georg Mumelter (non lo conosco) 
A.A. Santa Maddalena Morit 2019, Loacker    VINO SLOW (non male)
A.A. Sauvignon Praesulis 2019, Gumphof – Markus Prackwieser (lui è un campione)
A.A. Sauvignon Voglar 2018, Peter Dipoli (sempre intrigante)
A.A. Schiava 2019, Glassierhof – Stefan Vaja    VINO SLOW (non lo conosco) 
A.A. Terlano Chardonnay Sophie 2018, Manincor    VINO SLOW (Manincor è qualità, garanzia di qualità)
A.A. Terlano Pinot Bianco Rarity 2007, Cantina Terlano (beati voi che lo potete degustare e bere)
A.A. Val Venosta Riesling Unterortl 2019, Unterortl – Castel Juval (annata pazzesca per questo già grande vino)
A.A. Valle Isarco Riesling Praepositus 2018, Abbazia di Novacella (non è affatto male, anzi è buono assai)
A.A. Valle Isarco Sylvaner 2019, Hoandlhof – Manni Nössing (quest’annata non l’ho degustata) 
A.A. Valle Isarco Sylvaner 2019, Kuenhof – Peter Pliger    VINO SLOW (mi piace)
Caroline 2017, Pranzegg – Martin Gojer    VINO SLOW (lui è bravo assai)
Casòn Bianco 2017, Alois Lageder    VINO SLOW (interessante)
Elda 2015, Nusserhof – Heinrich Mayr    VINO SLOW (non è affatto male) ) 
Hoamet 2017, Bergmannhof – Josef Pichler    VINO SLOW (non è affatto male) 
Müller Thurgau Etza 2019, Radoar – Norbert Blasbichler    VINO SLOW (ne saprete sicuramente più di me)
Pinot Bianco Vom Muschelkalk 2018, Weingut Abraham    VINO SLOW (non è affatto male)
Pinot Nero 8 2017, Tenuta Dornach – Patrick Uccelli    VINO SLOW (sempre da degustare)
Sankt Anna 2017, In Der Eben – Urban Plattner    VINO SLOW (lui è forte)
Sauvignon 2018, Grawü    VINO SLOW (non lo conosco) 
Schiava 2017, Reyter    VINO SLOW (non lo conosco) 
Sylvaner 2018, Garlider – Christian Kerschbaumer    VINO SLOW (lui e sua moglie sono  bravissimi)
T Bianco 2019, Cantina Tramin    VINO QUOTIDIANO (Interessante)

L’edizione 2021 della guida Slow Wine è pronta, dal 14 ottobre sarà in libreria! Il 16 Ottobre non c’era, ma adesso è a casa mia.

Pasquale Pace
Share.

Leave A Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi