Mancano solo 12 giorni alle strade della mozzarella 2019 a Paestum, io ci sarò entrambi i giorni e come sempre sarà un piacere

0

Le Strade della Mozzarella 2019
1 e 2  ottobre 2019
Savoy Beach Hotel
Paestum-Capaccio (Sa)
www.lsdm.it
www.ilgourmeterrante.it
www.codivin.com
www.cantinaconforme.it 
www.vinointorno.it 

Mancano solo 12 giorni alle Strade della Mozzarella 2019, questanno pare che non si mangia, si chiacchiera e si fa una donazione per il Parco Archeologico di Paestum, io ci sarò di sicuro entrambi i giorni, poi sono sicuro che Albert, Barbara e Bruna qualcosa si inventeranno di sicuro e ci sarà da godere e imparare come sempre. Il programma lo troverete in fondo al comunicato stampa. 

Ecco a seguire il comunicato stampa.

TORNA LSDM:LA CUCINA OLTRE LA CUCINA

IL PRIMO CONGRESSO ITALIANO DI CUCINA SENZA COOKING SHOW

SOSTENITIBILITÀ, ETICA ED ESTETICA

AL CENTRO DELLA DUE GIORNI CHE VERRÀ CHIUSA DA ALAIN PASSARD

Sostenibilità, etica ed estetica, tematiche sempre più attuali nel mondo dell’alimentazione,saranno al centro del dibattito nella prossima edizione di LSDM, il congresso internazionale di cucina d’autore in programma martedì 1 e mercoledì 2 ottobre presso il Savoy Beach Hotel di Paestum (SA).Un appuntamento ormai di rito, che da ben 12 anni riunisce il meglio del panorama gastronomico italiano e mondiale.

Un’edizione densa di novità, durante la quale non verrà richiesto ai cuochi coinvolti, come di consueto, di esibirsi nel classico cooking show, ma di partecipare a dei veri e propri “tavoli di lavoro”.

«Una scelta – sottolineano Barbara Guerra e Albert Sapere, ideatori e curatori di LSDM –che nasce dall’esigenza di porre sotto la lente di ingrandimento gli aspetti culturali e per così dire “umanistici” dell’alimentazione. Un gesto a nostro avviso necessario per comprendere appieno “l’universo” che si nasconde dietro al piatto, andando oltre la tecnica del singolo interprete».

Per questo motivo, per la prima volta, a fare da relatori non saranno solo grandi chef di calibro internazionale, decani della cucina e giovani promesse, ma anche una serie di studiosi e professionisti del settore, figure essenziali per un approccio interdisciplinare all’argomento cibo.

Interverranno dunque personaggi come Cesare Cunaccia, giornalista e trendsetter, Marco Malaguti, esperto di nutraceutica, la scienza che indaga sui principi nutritivicontenuti negli alimenti e i relativi effetti benefici per la salute.E ancora Lucia Galasso, antropologa dell’alimentazione,lavoro che la porta a studiare le dinamiche culturali connesse alla produzione, preparazione e consumo degli alimenti nelle diverse società umane, con particolare riguardo alla storia e ai significati socioculturali e simbolici del cibo. A Nicoletta Poliotto, specialista in food marketing, il compito di rivelare i segreti di questo strumento ormai essenziale per tutti i ristoratori del nuovo millennio.

Saranno presenti anche alcune tra le più prestigiose firme del giornalismo enogastronomico, per un focus sull’editoria e sul corretto ruolo dell’informazione. Riflettori puntati inoltre sulla formazione, con Matteo Lorito, Direttore del Dipartimento di Agraria della Federico II e del Corso di Laurea in Scienze Gastronomiche Mediterranee, e Andrea Sinigaglia, General Manager di ALMA (La Scuola Internazionale di Cucina Italiana). Non mancherà un approfondimento sulla pizza, con alcuni dei protagonisti più all’avanguardia della Penisola premiati da 50 Top Pizza e una sessione dedicata al ruolo del pizzaiolo contemporaneo a Napoli.

E poi le riflessioni da parte di chi il Paese ha deciso di lasciarlo (come gli chef Umberto Bombana e Mario Gamba), aiutando però a diffondere la cultura gastronomica italiana all’estero.

Continua il percorso intrapreso negli ultimi due anni, quello di approfondire gli aspetti dell’alimentazione mediterranea attualizzando gli studi avviati negli anni ’50 da Ancel Keys. A tal fine vari gli ospiti che discuteranno di questo con il contrappunto di degustazioni tecniche di vino, pasta di Gragnano IGP, olio extravergine d’oliva, caffè.

La chiusura sarà affidata ad Alain Passard, tristellato francese – vincitore dello Chef’s Choice Award per 50 Best Restaurants 2019– celebre anche per aver aperto le porte al mondo vegetale e ai temi moderni come nessun altro prima.

«In sostanza – concludono i due curatori Guerra e Sapere – un momento di aggiornamento, scambio e confronto che riteniamo di fondamentale importanza per chiunque faccia parte del settore alimentare e gastronomico. Per la prima volta inoltre, in linea con le tematiche che verranno affrontate, LSDM 2019 sarà un evento completamente eco-friendly, con l’uso di soli materiali riciclabili e plastic free. A questo aggiungiamo il fatto che le donazioni, di 50 euro, fatte per accreditarsi, saranno effettuate direttamente sul conto corrente del Parco Archeologico di Paestum. Un’iniziativa che vuole sottolineare ancor più la visione culturale e globale di questa edizione del congresso».

Per accreditarsi seguire la procedura sul sito www.lsdm.it

Il programma completo di LSDM 2019: www.lsdm.it/lsdm-2019-1-e-2-ottobre-paestum-programma-completo/ 

LSDM 2019, 1 e 2 ottobre Paestum. Il PROGRAMMA COMPLETO

Il futuro della cucina, etica, sostenibilità, estetica

Martedì 1 ottobre 2019

 9.45     Apertura Congresso

10.00     I grandi cambiamenti nella cucina d’autore
Ernesto Iaccarino e Pino Aprile
Mauro Uliassi
Moreno Cedroni

12.00    La salute nel piatto, il meraviglioso mondo dei nutraceutici
Marco Malaguti

12.30    Sala e dintorni
Mariella Caputo, Stefania Giordano, Lorenza Vitali, Matteo Zappile

Pausa

15.00     L’Italia fuori dall’Italia
Umberto Bombana (Hong Kong)
Massimiliano Sena (Svizzera)
Danilo Cortellini (Inghilterra)
Mario Gamba (Germania)
Nicola Fanetti (Danimarca)

17.00 Garrison Price e Riccardo Orfino (Stati Uniti) con Peppe Guida e Eleonora Cozzella

18.00     Il futuro della pizza
Lorenzo Sirabella
Salvatore Lioniello
Pier Daniele Seu
Denis Lovatel
Ciro Salvo

Mercoledì 2 ottobre 2019

9.30    Informare al massimo livello

Giuseppe Cerasa
Antonio Scuteri
Paolo Marchi
Carlo Ottaviano
Federico De Cesare Viola
Luigi Cremona
Antonella De Santis
Modera: Guido Barendson

10.30 The dark side of the Cook
Antonio Labriola

11.00    Il futuro della ristorazione italiana
Lucia Galasso Le sfide antropologiche della ristorazione: tra etica, sostenibilità e competenza culturale
Marco Ambrosino
Davide Caranchini
Gianluca Gorini
Matteo Metullio

Nicoletta Polliotto – Food Experience Design
Karime Lopez Kondo
Oliver Piras
Chiara Pavan e Francesco Brutto
Andrea Leali

Pausa

15.30    Formare al massimo livello
Andrea Sinigaglia – General Manager di ALMA – La Scuola Internazionale di Cucina Italiana
Matteo Lorito – Direttore del Dipartimento di Agraria della Federico II e direttore del Corso di Laurea in Scienze Gastronomiche Mediterranee
Modera: Luciano Pignataro

16.30   Estetica del Gusto
Cesare Cunaccia

17.00   Cucina e futuro, dove andremo?
Salvatore Tassa
Antonia Klugmann
Bruno Verjus
Alain Passard 

Pasquale Pace

Il Gourmet Errante, è ciò che faccio da sempre per passione. Ho avuto l'opportunità di degustare tanti vini e prodotti e di passare bellissimi momenti di confronto, discussione e allegria con produttori e artigiani di tutta Italia. Ho vissuto l’evoluzione di molte aziende e nel corso degli anni la curiosità, la ricerca e le scoperte mi hanno portato a disegnare una mappa di emozioni, fatta di persone e storie, che ho sempre cercato di comunicare e promuovere.
Pasquale Pace
Share.

Leave A Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi