Le tre migliori bollicine del 2020, con qualche altra segnalazione, per il Gourmet Errante

0

Siamo quasi a Natale, quasi alla fine dell’anno 2020,un anno da metterci la pietra sopra per tutto ciò che è successo e che sta succedendo ancora. Nonostante tutto anche quest’anno ho fatto del mio errare il mio modo di vivere. Le degustazioni sono state molto limitate, ma di bello è che ho visitato più aziende e più locali. Durante i mesi del fermo mi sono visto tantissimi film e l’amore del cinema è tornato prorompente, ma l’amore del vino e del cibo prevale sempre sul resto.

Eccomi come ogni anno a metà dicembre, alla fine di tante degustazioni e alla fine, forse per quest’anno, del mio errare, eccomi giunto al momento di svelare la classifica dei migliori “Tre” di ogni categoria.

Inizio dalle bollicine. Come ho sempre detto, non sono i migliori in assoluto, ma questi sono quelli che mi hanno destato un’emozione immediata, per i sentori, profumi e sensazioni percepite già dal primo sorso bevuto e anche per il contesto in cui ho vissuto quel momento.
Ecco le mie migliori bollicine per il mio 2020, un Trentodoc; uno spumante metodo classico che viene dall’Oltrepò Pavese, prima o poi andrò in questo territorio; l’ultimo è sempre un Trentodoc, in particolare è il Brut Riserva Metodo Classico di Letrari, ma di questa azienda metterei tutti i loro spumanti, qui si è raggiunto un livello notevolissimo.

Oltre a questi mi va di citare l’azienda Mosnel, per tutto ciò che producono,azienda che è stata la mia preferita per l’anno 2019 per il nord Italia.

Un altro spumante, tutti i loro spumanti, che mi ha colpito tantissimo è il Trento DOC Maso Martis  Brut Riserva Vintage 2008 in magnum, bevuto durante un’ottima, come sempre, visita nella loro azienda (In un giorno fare tre visite di aziende che consiglio a tutti. Maso Martis, Dorigati e Peltz (ilgourmeterrante.it)), in questo racconto c’è anche la visita a un’altra azienda produttrice del Methius Trentodoc,  terzo spumante preferito per quest’anno.

Finalmente ecco i miei tre spumanti preferiti.

Cantina Dorigati
Via Dante Alighieri, 5
Mezzocorona (Tn)
www.dorigati.it

Uno degli spumanti da me preferiti per l’anno 2020 è il Methius, l’annata? Ne ho bevute diverse.
La prima occasione è stato un brindisi a sorpresa in uno dei miei ristoranti preferiti, da Romano a Viareggio.
Ero con una coppia di amici, Roberto Franceschini sapendo il mio amore per questo spumante ha tirato fuori dalla sua fantastica lista dei vini un Methius 2012. Di quel giorno ho scritto: Roberto arriva con una sorpresa, si brinda all’amicizia, a una nuova proprietà della Roma, lui apre il Methius della Cantina Dorigati. Annata 2012, in forma smagliante, una bevuta stupenda. Spumante che si candida a essere una delle tre bollicine per l’anno 2020, ed eccolo qui tra i miei preferiti.
Poi c’è stata la visita in azienda, sempre lo stesso giorno della visita a Maso Martis.
In cantina abbiamo brindando con il Methius 2013, dal primo giorno la reputo un’annata fantastica, ogni volta non mi delude, ogni volta è sempre più buona.
L’ultima bottiglia per quest’anno è stato un Methius 2010. Eravamo da Sora Maria & Arcangelo a Olevano Romano, il pranzo era dedicato a una coppia di amici che festeggiavano 33 anni di matrimonio, l’onore di aprire la bottiglia è stato dato a me. L’ho aperta in maniera elegante, forse mi immaginavo cosa c’era li dentro, ho sentito il profumo del tappo ed è partita l’emozione, un profumo invitante, inebriante, non vedevo l’ora di annusarlo, l’ho versato, i profumi accompagnavano il mio versare, non vedevo l’ora di degustarlo, abbiamo brindato insieme a Marinella e a Giuseppe all’anniversario di Domenichina e Nicola, la beva è stata goduriosa, imperiosa, di Methius ne ho bevuto tantissimo, questa bottiglia mi ha lasciato estasiato, una bevuta di infinita finezza, classe, bontà.
Ecco per tutto ciò che è stato il Methius in queste occasioni, l’ho scelto come uno dei tre miei migliori spumanti di quest’anno. La cantina Dorigati è una delle aziende consigliate da il Gourmet Errante.

Ballabio Winery
Via San Biagio, 32
Casteggio (PV)
www.ballabiowinery.it

Oltrepò Pavese Pinot Nero Metodo Classico DOCG Dosaggio Zero Nero Farfalla Cave Privée 2011, 100% Pinot Nero, prima annata prodotta.
Eccolo il mio secondo spumante per l’anno 2020. Debbo dire grazie al Gambero Rosso di averlo premiato con i tre bicchieri e di avergli anche dato il premio come migliore bollicina per la guida Vini d’Italia 2021.
Era il terzo giorno della degustazione dei tre bicchieri, era la domenica, l’ultimo giorno.
Ho iniziato da lui a degustare, avevo tutto il tempo possibile, mi sono soffermato a degustarlo, ad amarlo, è stato amore da subito, il naso è stato invaso dalla voglia di degustarlo immediatamente. Mi sono appoggiato al muro e l’ho degustato ancora meglio, non sono riuscito a sputarlo, è andato giù diretto riempiendomi la bocca, il palato, un colpetto alle guance e poi tanta voglia di berlo ancora.
Uno spumante imperioso. Durante la giornata ci sono tornato due, tre… quattro volte, ho conosciuto Mattia Nevelli, con lui ho scambiato due parole molto interessanti su questo ottimo spumante, ci siamo ripromessi che prima possibile lo andrò a trovare – non vedo l’ora!
Per tutto il giorno, a chi mi chiedeva se c’era qualcosa da non perdere nella degustazione, il nome che mi veniva in mente da suggerire, era la Farfalla dell’azienda Bellabio.
Quando verrò a trovarvi sarà mio grande piacere darvi il mio adesivo di azienda consigliata da il Gourmet Errante.

Letrari Società Agricola
Via Monte Baldo, 13-15
Rovereto (Tn)
www.letrari.it

Scegliere uno spumante di questa azienda per metterlo tra i miei preferiti per l’anno 2020 mi è difficile.
Per questo è come se premiassi l’azienda Letrari per tutto ciò che produce. Durante quest’anno mi è capitato diverse volte di degustare, di bere gli spumanti Letrari. Se dovessi sceglierne uno e uno solo, le mie preferenze andrebbero sul 976 Riserva del Fondatore Talento Trentodoc , poi però è arrivata la degustazione dei tre bicchieri del Gambero Rosso,  dove tra gli spumanti premiati c’era l’ottimo Trentodoc Dosaggio Zero Riserva 2014, una beva molto piacevole come tutti gli spumanti di questa azienda.
Il giorno dopo Lucia Letrari era presente alla degustazione Life Of Wine, manifestazioni in cui si degustano vini, spumanti dell’annata attuale e tre annate vecchie, dello stesso vino, in questo caso dello stesso spumante. Di quel giorno scrissi sullo spumante Brut Riserva Talento Metodo Classico Letrari: “Una manifestazione, una degustazione che è stata svolta anche in un periodo così pesante è una degustazione che vale molto. Complimenti agli organizzatori che ci hanno permesso di godere ancora una volta di vini che si possono assaggiare solo in questa situazione. Io ci sono stato al primo turno – di mattina – ho potuto degustare molto, in particolare i vini di aziende che mi piacciono. Dalle foto capirete quali sono.
Letrari Trentodoc. Cara Lucia Letrari  sai quanto mi piacciono i vostri spumanti, però in questi due ultimi anni mi state sorprendendo ogni volta di più. Il mio scrivere: champagne venite a noi, quelli di livello molto alto, che vi vogliamo sfidare. Mi fa avere la convinzione di batterne più di qualcuno. Complimenti grandi a voi per darci il piacere così grande di brindare con Trentodoc.”
Sotto alla foto dove era questo mio commento facente parte di un album di Facebook, c’è un siparietto tra Lucia e Paolo Letrari, lo voglio riportare qui.
Lucia Letrari: Grazie Pasquale, sempre presente.

Paolo Letrari: Sogno o son desto? Vedo due bottiglie del millesimo 2005.  Immagino un lotto di sboccatura 2010 o 2011 . Cara Sorella hai sparato una bomba mica da poco.

Pasquale Pace: Paolo Letrari avete fatto godere Roma e spero che chi li ha degustati abbia apprezzato qualcosa di veramente ottimo!

Paolo Letrari: Pasquale Pace grazie mille!

Lucia Letrari: Paolo mentre tu eri a casa, io ho svuotato la cantina per i nostri amici (risata).

Paolo Letrari: Lucia Letrari son piezz’e core quelle bottiglie.
Quel giorno Lucia e l’azienda Letrari hanno fatto godere tutti quelli che hanno degustato dei capolavori.
Per tutto ciò, gli spumanti di questa azienda sono tra i miei preferiti per l’anno 2020.
Non vedo l’ora di tornare a trovarvi per darvi il mio adesivo come azienda consigliata da il Gourmet Errante.

Ho iniziato come sempre con gli spumanti, vado avanti con i miei tre migliori antipasti.

Pasquale Pace
Share.

Leave A Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi