I migliori 30 vini dolci per la guida i ristoranti e i vini dell’Espresso 2019 con un mio piccolo commento

0

I Ristoranti e i Vini d’Italia 2019
Le Guide de L’Espresso
Curatore Enzo Vizzari
Andrea Grignaffini curatore de I Vini d’Italia
pp 792
€ 24,90 in edicola e libreria
€7,99 App

www.espresso.repubblica.it
www.ilgourmeterrante.it
www.codivin.com
www.cantinaconforme.it
www.vinointorno.it

Quest’anno le guide dell’Espresso si sono unite in una sola, quindi vini e ristoranti insieme. Dopo i vini bianchi, dopo i vini rossi, dopo i rosati ecco i vini dolci sono 30, dalle mie descrizioni capirete che sono vini che mi piacciono, mi dispiace aprirli dopo un pasto perché per la maggior parte delle volte vanno sprecati, meglio aprire un fresco Moscato d’Asti (SERIOOOOOO) in questo elenco qualcuno ci poteva stare.
Tra i miei vini dolci  preferiti ce ne è uno sconosciuto ai più, lo dico a tutti, lui è il Vin Santo di Fattoria di Piazzano a Empoli, vi invito a tutti a cercarlo. Poi non può mancare mai in un elenco così il passito di Pantelleria di Ferrandes, oltre che un vino…un capolavoro.
Alla prossima per gli spumanti.

5 bottiglie:

ALBANA DI ROMAGNA PASSITO RISERVA AR 2014 – Fattoria Zerbina (un’azienda che primi dei vini fermi fa grandi vini dolci)
ALTO ADIGE GEWÜRZTRAMINER VENDEMMIA TARDIVA TERMINUM 2015 – Tramin – Produttori Termeno (un grande classico italiano, ricordo bevute leggendarie)
ALTO ADIGE MOSCATO ROSA 2015 – Plattner Christian – Waldgries (produttore di grandi Lagrein, bravo anche in questa chicca)
BENACO BRESCIANO IGT IL SOLE DI DARIO 2012 – Cantrina
COLLI EUGANEI FIOR D’ARANCIO CUORE DI DONNA DARIA – Conte Emo Capodilista (sempre un piacere degustarlo)
COLLI PIACENTINI VIN SANTO DI VIGOLENO VERNASCA 2007 – Lusignani Alberto
ERBALUCE DI CALUSO ALLADIUM 2009 – Azienda Agricola Cieck
GATTINARA IL SOGNO 2012 – Travaglini Giancarlo
PASSITO DI PANTELLERIA BUKKURAM SOLE D’AGOSTO 2015 – De Bartoli Marco (un vino creato da un grande produttore)
VENETO IGT PASSITO ROSSO VIGNA SERÈ 2004 – Dal Forno Romano (l’ho bevuto una volta sola…ancora conservo il gran sapore)
VERNACCIA DI ORISTANO ANTICO GREGORI – Contini Attilio (uno dei re della Vernaccia di Oristano)
VIN SANTO DI MONTEPULCIANO OCCHIO DI PERNICE 2002 – Avignonesi (un vino di cui l’Italia intera dovrebbe andarne fiera)

4 bottiglie:

BIANCO PISANO DI SAN TORPÉ VIN SANTO BACIAMANO 2008 – Conte Aldobrando degli Azzoni Avogadro  BREGANZE TORCOLATO 2013 – Maculan (cuochi e pasticceri gli hanno dedicato dolci e piatti, un omaggio a un buonissimo vino dolce italiano)
MALVASIA DELLE LIPARI NA’JM 2014 – Cantine Colosi
MARSALA RISERVA SUPERIORE ORO HERITAGE VINTAGE 2012 – Cantine Intorcia (era ora che iniziassero a far uscire le loro marsale)
MOSCATO DI NOTO PIOGGIA DI STELLE 2012 – Cantina Marilina
MOSCATO DI SCANZO 2015 – Biava
PASSITO IGT ISOLA DEI NURAGHI SARDEGNA PASSENTZIA 2014 – Famiglia Orro
RECIOTO DELLA VALPOLICELLA CLASSICO 2015 – Vigneti di Ettore
RECIOTO DELLA VALPOLICELLA CLASSICO 2016 – Brigaldara
RECIOTO DELLA VALPOLICELLA CLASSICO LA ROGGIA 2015 – Speri Fratelli
RECIOTO DELLA VALPOLICELLA CLASSICO LE TRAVERSAGNE 2015 – Le Salette
RECIOTO DI SOAVE CLASSICO LE SPONDE 2016 – Coffele (un  dolce che mi ricorda momenti belli assai, loro ne producono un altro il Terra Crea, il 2005 sarà uno dei miei tre vini dolci per l’anno 2018)
VIN SANTO DEL CHIANTI CLASSICO ROCCA DI MONTEGROSSI 2008 – Rocca di Montegrossi
3 bottiglie:

AMELIA CARATELLI AL POZZO 2012 – La Palazzola (Stefano Grilli, proprietario di La Palazzola fa diversi vini dolci, meritano di più delle tre bottiglie, il suo Vin Santo 2003 una sera mi lascio senza fiato per quanto era buono, sarà un altro dei miei tre vini dolci per l’anno 2018)
PIEMONTE MOSCATO PASSITO LA BELLA ESTATE 2016 – Vite Colte
RECIOTO DI SOAVE NETTARE DI BACCO 2016 – Monte Tondo
RECIOTO DI SOAVE TRE COLLI 2015 – T.E.S.S.A.R.I  (bravi voi ad averlo scovato, brava la famiglia Tessari a fare vini davvero buoni)
T VIN SANTO DEL CHIANTI CLASSICO 2010 – Fattoria San Giusto a Rentennano

Pasquale Pace

Pasquale Pace

Il Gourmet Errante, è ciò che faccio da sempre per passione. Ho avuto l'opportunità di degustare tanti vini e prodotti e di passare bellissimi momenti di confronto, discussione e allegria con produttori e artigiani di tutta Italia. Ho vissuto l’evoluzione di molte aziende e nel corso degli anni la curiosità, la ricerca e le scoperte mi hanno portato a disegnare una mappa di emozioni, fatta di persone e storie, che ho sempre cercato di comunicare e promuovere.
Pasquale Pace
Share.

Leave A Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi