Brunello di Montalcino annata 2015 contro annata 2016, chi vince? Vince il Brunello tutto, con due annate di notevole qualità

0

Vinodabere
Appunti Brunello di Montalcino 2016 vs 2015
Osteria Poerio
17 Dicembre 2020
Roma
www.vinodabere.it
www.ilgourmeterrante.it
www.codivin.com
www.cantinaconforme.it
www.vinointorno.it

Prima di tutto ringrazio di nuovo il gruppo di Vinodabere per l’invito a partecipare, per il quarto anno consecutivo,  a questa interessante, simpatica degustazione alla cieca sul Brunello di Montalcino.
Ecco un po’ di numeri: 24 degustatori, 80 Brunelli di cui 37 del 2016 e 37 del 2015, in più c’erano 6 Riserve del 2015, i Brunelli sono stati forniti da 38 aziende. La media della degustazione evidenzia un quasi pareggio tra le due annate.
Da parte mia avendo degustato diversi Brunelli 2016 durante i miei ultimi quattro giorni a Montalcino, credevo che la vittoria dell’annata 2016 su la 2015 poteva essere netta.
Mancano diverse aziende da me visitate in quei giorni e me ne dispiaccio, anche perché sono tra le aziende che preferisco. Durante quei giorni non riuscivo a sputare nulla dei vini degustati, la loro bontà mi faceva andare il vino giù con grande piacere, tanta era la bontà.
Alla fine della degustazione di oggi, riflettendo, mi viene da pensare che anche l’annata 2015 è una grande annata, oggi lo dimostrano le riserve degustate. Poi quell’anno in più di bottiglia gli fa davvero bene a vini così. Finisco i miei pensieri con un rimpianto futuro, il benvenuto Brunello non ci sarà a Febbraio e chissà anche se si farà in quei giorni programmati. Io con il mio ottimismo non vedo l’ora di tornare a errare e come avevo già programmato per dicembre altri giorni in questo paese fantastico, ho in mente di recuperare il prima possibile.

Sui 74 Brunelli degustati la vittoria, di un soffio, è andata all’annata 2015 (con la media di 87,70 centesimi contro gli 87,40 della 2016). Alla fine resta la certezza di stare davanti a due grandi annate.
Questo lo dimostrano anche le sei riserve. Tra queste la mia migliore è stata la Riserva 2015 di Franco Pacenti (92).

Ecco la classifica dei 13 vini che hanno ricevuto i punteggi più alti per i 24 degustatori:

Pian delle Querci 2015       90,91
Ventolaio 2015                    90,55
Terre Nere 2015                  88,91
Collemattoni 2016              88,86
Collemattoni 2015              88,86
Fattoria dei Barbi 2015      88,86
Caparzo 2015                       88,82
Argiano 2016                        88,82
Altesino 2015                       88,73
Tenuta di Sesta 2016          88,73
Corte dei Venti  2015          88,73
Lisini 2016                             88,68
Tenuta di Sesta 2015           88,68

Ecco invece i miei migliori assaggi per l’anno 2015 e per il 2016.

Ecco i miei Brunello di Montalcino 2015 con punteggi dal 94 al 91:

Tenuta di Sesta     94
Collemattoni         93
Altesino                 93
Sassodisole           93
Pian delle Querci 91

Ecco i miei Brunello di Montalcino 2016 con punteggi dal 92 all’89:
Lisini                         92
Altesino                   92
Tornesi                    91
Pian delle Querci   91
Collemattoni          89

Concludo nel dire che è stata una degustazione molto interessante, divertente, appagante, piena di momenti belli. Grazie ancora allo staff di Vinodabere, i grazie si allungano allo staff dell’Osteria Poerio e ai due degustatori sommelier Paula Clarke e Ivano Piterà.

Alla fine mi va di dire ai produttori di Montalcino che sarebbe bello che le aziende l’anno prossimo aumentassero. Sono sempre più convinto che il territorio di Montalcino è molto definito in qualità, qualità eccellente.

Pasquale Pace
Share.

Leave A Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi